"L’icona il linguaggio della fede della Chiesa e mostra con i colori ciò che la Scrittura proclama con le parole ”.       (Lia Galdiolo) QUADRI COME PREGHIERE di Laura Ferretti Dipingere   immagini   sacre   è   molto   impegnativo   per   me.   Attraverso   esse   vorrei   trasmettere   un   messaggio   di   speranza,   di   amore,   di fede.    Un    messaggio    mio,    personale.    Un    messaggio    legato    alla    spiritualità    ed    alla    sensibilità    religiosa    maturata    nella    realtà postconciliare,   ma   anche   a   quella   visione   immutabile   che   trascende   la   storia.   Ricerco   un   messaggio   sintetico   eppure   semplice   e chiaro. Vorrei che entrasse negli occhi e restasse nel cuore con una sensazione di pace e di serenità. Sono   dipinti   essenziali:   non   ci   sono   elementi   meramente   decorativi   (né   diademi,   né   orpelli,   né   ricchi   manti),   non   ci   sono   richiami   a problematiche   contingenti   dell’oggi   e   neppure   persone.   Sono   raffigurati   “solamente”   Gesù,   la   Madonna,   alcuni   bambini-angeli   nel cielo   dell’Assunzione;   ci   sono   allusioni   a   Dio   Padre   ed   allo   Spirito   Santo.   Ci   sono   molti   fiori:   essi   rappresentano   l’umanità.   Amo   gli effimeri fiori che allietano e profumano il mondo, amo gli effimeri uomini che vorrebbero essere eterni. La   scelta   dei   soggetti   è   guidata   soprattutto   dal   mio   sentire.   L’   Assunzione   al   Cielo   della   Vergine   Maria,   tuttavia,   è   stata   anche   un concludere    il    percorso    all’interno    del    Santuario    della    Madonna    della    Carità.    C’erano    già    l’Annunciazione,    la    Natività    e    la Crocifissione.   Per   me   è   stata   una   grande   gioia   dipingere   il   momento   della   celestiale   felicità   di   Maria   che   sale   al   Cielo   ove   si   riunirà al Figlio diletto. Gesù   che   accoglie   la   Madre   e   La   Madre   che   sale   al   Figlio,   sono   lavori-studio   di   preparazione   all’Assunzione,   una   pala   di   altare   che mi ha impegnato per mesi. “Pensando   alla   Sacra   Sindone”   nasce   dalla   intensissima   e   profonda   emozione   vissuta   incontrandomi   per   la   prima   volta   con   quella impronta   del   volto   di   Gesù   Cristo,   emozione   rimasta   inespressa   a   lungo   nel   mio   cuore.   Subito   dopo   dipinsi   “La   Natività”   a   cui   mi   ha portato, andando a ritroso, proprio il pensare alla Sacra Sindone. L’intensità   dei   momenti   che   avevo   raffigurato   mi   ha   fatto   riflettere   su   come   la   quotidianità   spesso   riduce   la   nostra   fede   ad   una fiammella   che   talvolta   riusciamo   appena   ad   intravedere.   Da   questa   riflessione   è   nata   un’altra   quotidianità.   Quella   di   Nazareth. “Circolarità   di Amore”.   Immenso   l’amore   di   Dio,   mediocre   il   nostro   amore   di   uomini.   Eppure   una   donna   ci   ha   mostrato   il   vero   senso dell’amore   nel   corso   di   tutta   la   sua   vita.   Anche   se   era   inimmaginabile,   anche   se   sembrava   così   difficile   che   quasi   non   riusciamo   a crederci.   Per   amore   del   Figlio   accetta   di   amare,   come   figli   suoi,   gli   uomini   che,   proprio   in   quel   momento,   erano   giunti   all’apice   della malvagità, che avevano crocifisso il Suo Gesù. È “Maria ai piedi della Croce”. E’   solo   dopo   qualche   anno   che   matura   dentro   di   me   la   consapevolezza   della   grandiosità   del   primo   sì   di   Maria,   ancora   fanciulla,   a Nazareth. E’ un sì che permette a Dio Onnipotente di “realizzare” il Suo progetto di salvezza. Ne scaturisce la tela “ E il Verbo si fa Carne “. Assunzione al cielo della vergine Maria ________________________________________ Quando    don    Dario    Giannelli    mi    chiese    di    dipingere    una    pala    d’altare    per    il    Santuario    della    Madonna    della    Carità    fui contemporaneamente   lusingata   e   atterrita:   lusingata   dalla   sua   fiducia,   atterrita   per   la   complessità   e   per   l’importanza   dell’opera   da realizzare.    Decisi    di    accettare    la    sfida    ed    iniziai        il    lavoro:    dovevo    riprendere    la    “mano”    ai    ritratti    e    soprattutto    maturare l’impostazione dell’opera. Letture   e   colloqui   (particolarmente   proficui   quelli   con   don   Icilio   Rossi   e   con   padre   Samuele   Duranti)   mi   hanno   aiutato   ad   individuare i   nuclei      in   cui   articolare   il   messaggio.   Superato   l’incubo   della   tela   bianca,   le   soluzioni   espressive   sono   maturate   con   una   certa facilità nel procedere del lavoro (Assunzione al Cielo della Vergine Maria) In   basso   a   sinistra   domina   uno   scampolo   di   prato   ricolmo   di   fiori:   sono   fiori   qualunque,   nascono   spontaneamente,   sono   belli   ma effimeri.   E   la   loro   precarietà   rende   più   struggente   la   loro   bellezza.      Anche   l’uomo   è   precario,   ma   è   anche   consapevole   della   sua precarietà.   Di   qui   l’insoddisfazione,   la   sofferenza   che   lo   hanno   accompagnato   nel   corso   dei   millenni.   I   sette   fiordalisi   che   la Madonna   tiene   nella   mano   sinistra,   però,   ci   confermano   la   speranza   di   una   vita   dopo   la   morte,   ci   confermano   che,   se   lo   vorremo, Lei intercederà per noi. Dietro   ai   fiori   un   deserto   assolato   si   stende   all’orizzonte:   un   orizzonte   curvo   quasi   ci   fossimo   sollevati   anche   noi   alti   nel   cielo.   Il deserto:   un   luogo   in   cui   manca   anche   l’essenziale   alla   vita,   un   luogo   in   cui   lo   stesso   sole   può   uccidere.   Ma   qui   l’oasi   è   un   dono   di Dio, ma qui le stelle sono le più splendenti del mondo ed invitano a guardare verso il Cielo. Dal   fondo   del   deserto,   avvolta   in   uno   “spaglio”   di   luce,   si   innalza   la   Vergine   Maria.   È   l’ultima   chiamata   a   cui   risponde:   dopo   quel primo   sì   detto   all’Angelo,   dopo   i   sì   della   quotidianità   di   Nazareth,   dopo   il   terribile   sì   ai   piedi   della   Croce,   ora   un   nuovo   sì   ed   il      Suo corpo   incorrotto   dal   peccato   può   salire   al   Cielo.   Rivedere   il   Figlio.   Ed   i   Suoi   occhi   guardano   fissi   verso   di   Lui:   è   l’estasi.   E   la   Sua mano   destra   comprime   il   Suo   seno   quasi   non   potesse   contenere   l’emozione.   E   le   Sue   labbra   accennano   un   leggero   sorriso:   una risposta al sorriso di Suo Figlio. Gesù   è   sceso   ai   margini   del   Cielo   per   accogliere   Sua   Madre,   ma   il   Suo   sguardo   dolce,   pieno   di   gioia,   di   bontà   e   di   misericordia   è fonte di speranza per ogni uomo. Intorno   a   Gesù   un   nugolo   di   bambini.   Essi   sono   con   Lui   perché   Egli   ha   sempre   mostrato   verso   di   loro   una   predilezione   particolare per   la   loro   innocenza,   per   il   loro   candore,   per   la   loro   capacità   di   affidarsi,   con   totale   abbandono,   al   padre   ed   alla   madre.   Ed   ora   essi assistono all’evento  pieni di stupore e di gioia; si accalcano per vedere, per accogliere la Madre celeste. E   la   Madonna   sale   avvolta   nella   Sua   luce   che   squarcia   il   cielo.   Ed   entra   in   un   altro   Cielo,   un   Cielo   d’oro,   oro   che   si   diparte   da   un nucleo   di   luce-colore      .   Tutti   i   colori   dell’arcobaleno.   È   un   punto   da   cui   tutto   ha   origine.   Un   tutto   pervaso   da   un   palpito:   il   palpito vivificatore dello Spirito. Pensando alla Sacra Sindone ________________________________________ La   vista   della   Sacra   Sindone   mi   emozionò   e   mi   commosse   profondamente.   Mi   spinse   a   leggere   ed   a   meditare.   Per   lunghi   anni   tutto ciò è rimasto nel mio cuore, poi ha preso corpo sulla tela (Pensando alla Sacra Sindone). Il   volto   emerge   dal   fondo   soltanto   perché   il   grigio   diviene   più   caldo,   ma   non   ha   volume:   è   un’impronta.   Rimangono   le   tracce   delle tumefazioni, evidenti nelle asimmetrie del volto, e del sangue raggrumato. Ma   la   sofferenza   si   è   fatta   misericordia,   speranza,   invito   a   guardare   in   quei   Suoi   grandi   occhi   pieni   di   luce.   Occhi   che   ci   seguono anche se ci allontaniamo quasi a confermarci che Lui non ci abbandonerà, che ci ama nonostante tutto. Natività ________________________________________ Pochi,   pochissimi   elementi   compongono   questa   Natività.   Il   profilo   di   una   grotta   buia,   un   paesaggio   notturno   quasi   monocromatico, una madre vestita in modo estremamente semplice con un bambino nudo fra le braccia, un suolo sassoso con alcuni fiori. Ma   la   povertà   del   Figlio   di   Dio   è   un   Suo   atto   d’amore   verso   l’umanità,   un   monito,   un   insegnamento;   l’umiltà   della   Madre,   la   Sua sobrietà composta, la Sua serenità pensosa sono i Suoi diademi. E   la   Madre   porta   il   Figlio   sul   limitare   della   grotta,   verso   quei   fiori   –   pastori   che   sono   giunti   attraverso   la   notte   per   rendere   omaggio   al Figlio.   E   Gesù   si      allontana   dal   seno   della   Madre,   che   Lo   asseconda   pur   tenendolo   saldamente,   per   guardare   giù   verso   quei   fiori che si illuminano e divengono belli in questa reciprocità di amore. Su tutto un cielo insolito, esultante di luce e di stelle. Circolarità d'amore ________________________________________ Tutto appare usuale, quotidiano, forse sbiadito (Circolarità di Amore). Una   madre:   la   Madre;   un   figlio:   il   Figlio   e   la   loro   calda   intimità.   Il   bambino   si   abbandona   sul   seno   della   madre.   Tutto   in   lui   indica   un bambino piccolissimo ma ha lo sguardo di chi sa. E   la   madre   lo   sfiora   con   le   mani   quasi   a   lasciarlo   libero   pur   proteggendolo.   Il   suo   sguardo   è   pieno   di   tenerezza,   di   amore;   ma   il   lieve rossore sul suo volto tradisce la sua stupefatta meraviglia, la sua perdurante emozione. E   la   luce   irrompe,   anima,   raccorda   tutto   in   una   circolarità   d'Amore.   E   il   bambino   ne   è   illuminato,   ma   è   anch'egli   fonte   di   luce.   E   la vergine - madre, ricolma di amore, sembra raccogliersi, schiva, nel grandioso mistero che la involve. E giù, ai margini, su quei piccoli, banali fiori indistinti cadono frammenti di Paradiso. Maria ai piedi della croce ________________________________________ Al   centro,   stagliata   contro   un   cielo   livido,   una   figura   avvolta   in   un   manto   scuro:   Maria.   Il   cuore   lacerato   dall'angoscia   per   lo   scherno, la   derisione,   l'ingratitudine,   il   tradimento,      l'abbandono,   lo   strazio   di   cui   è   vittima   suo   Figlio.   Il   suo   Gesù   insultato,   martoriato, crocifisso   dagli   uomini.   Da   quegli   stessi   uomini   per   la   cui   salvezza   lui,   il   Figlio   di   Dio,   ha   intrapreso   il   suo   cammino   di   uomo   tra   gli uomini.   Quegli   uomini   per   i   quali   ha   chiesto   il   perdono   del   Padre,   quegli   uomini   che   ha   affidato   a   lei,   mediatrice   di   grazie   per   tutti quelli   che   a   lei   si   rivolgeranno.      E      Maria,   educata   alla   scuola   di   amore   del   Figlio,   trasforma   la   sua   mano   in   un   nido,   rifugio   per   quei piccoli, fragili uomini - fiori. Ma i suoi occhi sono tutti per il Figlio morente, con essi lo abbraccia, lo consola, gli dice il suo immenso amore. Il   mondo   è   un   vuoto   deserto   muto.   Eppure   un   soffio   di   luce   saluta,   quasi   perso   nel   buio,   proteso   alla   luce   che   muore,   un   bel   fiore:   il discepolo prediletto. E la mano comprime il cuore impazzito, la bocca si apre in un grido che rimane in gola: tutto è compiuto. Ed il cielo comincia a rompersi (Maria ai piedi della Croce.) E il Verbo si fa Carne ________________________________________ Verbum caro hic factum est. Qui il Verbo si è fatto carne. A   Nazaret   nella   grotta   dell’Annunciazione   provai   un   lungo   brivido   nel   pensare   che   lì,   tra   quelle   mura   spoglie,   si   era   verificato quell’evento   dopo   il   quale   niente   sarebbe   più   stato   come   prima.   Dio,   il   Verbo   si   era   fatto   carne   per   la   salvezza   degli   uomini.Si   era fatto carne per amore. Dovevo   trasporre   su   tela   l’annuncio   dell’Angelo,   l’accettazione   incondizionata   di   Maria   e   l’Amore   che   è   vita,   che   dà   vita   e   permea   di sé il mondo. Ho   scelto   la   via   della   semplicità,   la   via   dell’essenzialità   privilegiando   l’intensità   dei   volti.   Pieno   di   devota   partecipazione   quello dell’Angelo, assorto e fiducioso quello di Maria. Ho   ricercato   l’espressività   delle   mani   di   Maria   che   sembrano   voler   racchiudere,   proteggere   quel   mistero   di   Amore   che   si   sta compiendo dentro di Lei. E l’Amore divino l’avvolge come una leggera nebbia luminosa. Il   miracolo   si   è   compiuto   (E   il   Verbo   si   fa   carne).   Tra   poco   l’Angelo   tornerà   in   Cielo   lasciando   il   giglio   alla   Vergine   Madre,   all’ancella del Signore divenuta Sua e nostra Regina. Le tenebre saranno vinte. Il Sorriso di Maria ________________________________________ A   Medjugorje,   un   paesino   sperduto,   ogni   2   del   mese   la   Regina   della   Pace   appare   alla   veggente   Mirjana   e,   insieme   con   lei   e   con   i pellegrini, prega per coloro che "ancora non conoscono l'Amore di Dio". Se   ci   pensiamo   un   attimo,   oggi,   nel   mondo   dell'effimero,   dell'apparire,   dell'odio   e   della   guerra   in   un   mondo   che   vuole   eliminare   Dio stesso, questo esempio-invito della Madre celeste dà una nuova prospettiva alla vita. La proietta verso l'eternità. Le   nostre   preghiere,   le   rinunce,   le   nostre   grandi   o   piccole   sofferenze   donate,   offerte   alla   Madonna   divengono   piene   di   valore. Pregare   affinché   il   cuore   dell'uomo,   di   ogni   uomo,   sia   liberato   dal   male   che   distrugge   il   singolo   e   la   società,   pregare   affinché   si   apra all'Amore di Dio ci dà una nuova gioia: il Sorriso di Maria. "Voglio   presentare   tutti   gli   uomini,   come   un   bellissimo   mazzo   di   fiori,   a   mio   Figlio"   dice   la   Regina   della   Pace.   E   aggiunge:   "Aiutatemi ad aiutarvi: ho bisogno di voi". XII Stazione – Morte di Gesù (EUTANASIA)   ________________________________________ I pii israeliti hanno condannato a morte Gesù poiché “bestemmiava” sostenendo di essere il Figlio di Dio e, dunque, Dio Egli stesso. L’uomo   di   oggi   ha   deciso   di   poter   fare   a   meno   di   Dio   nella   sua   vita.   Anzi   vuole   sostituirsi   a   Lui,   vuole   “legalmente”   essere   artefice della vita e della morte. L’eugenetica, i laboratori per creare bambini in provetta, ma anche l’aborto, gli esperimenti con gli embrioni. Ed in fine l’eutanasia. Già la “dolce” morte che rende possibile l’eliminazione di un essere umano. La sofferenza perde il suo valore salvifico e si fa alibi di morte. La morte di Gesù è fonte di salvezza. L’eutanasia di perdizione. Staccare   una   spina   è   diabolicamente   semplice.   Speriamo   però   che,aldilà   di   tutto,   la   mano   si   ritragga   e   la   spina   rimanga   al   suo posto. Solo Dio sa quando è il momento per nascere e per morire.
English
Español
Laura Ferretti  painter