RADICI PROFONDE: GLI ETRUSCHI E IL LORO MONDO Progetto pittorico di Laura Ferretti Nel   corso   della   mia   vita   ho   sempre   sentito   il   fascino   della   civiltà   e   della   cultura   etrusca.L’intensità   del   loro   amore   per   la   vita.   Un   amore strettamente   legato   ad   una   serena   consapevolezza   della   morte.   La   raffinata   eleganza   degli   abiti,   dei   gioielli,   dei   vasi.   Degli   stessi utensili.   Sono   sempre   stata   attratta   dalla   loro   arte.   Dalla   monumentalità   lineare   di   certi   complessi   ed   ancor   più   dalla   freschezza   delle loro   opere   fatte   per   loro   stessi   con   un   gusto   particolare   per   l’episodico.   Un   passo   di   danza,   un   sorriso   ammiccante,   il   fremito   della   gara. Quasi   delle   istantanee.   La   spontaneità   armoniosa   dei   rapporti.   La   gestualità   complice   ed   affettuosa   delle   coppie.   Ci   catturano   e   ci portano   indietro   nel   tempo.   Li   guardiamo   vivere   davanti   ai   nostri   occhi. Ancelle,   musicisti,   ballerini,   animali,   atleti,   coppie   di   sposi.   Tutti in   armonia,   vitali   e   gioiosi.   E   la   donna   etrusca   elegante,   raffinata   e   sorridente   ci   fa   scoprire   una   dimensione   paritaria,   un   rapportarsi all’uomo   affettuoso,   intimo.   Pieno   di   poesia.   Li   sento   vivi.   Desideravo   trasmettere   queste   mie   emozioni.   Di   immagini   ne   avevo   sin troppe,   tante   da   poterle   selezionare   ricercando   quelle   più   efficaci   per   far   rivivere   attimi   della   loro   vita,   frammenti   della   loro   quotidianità. Organizzati   i   contenuti   mancava   un   mezzo   espressivo   che   desse   al   progetto   quell’unitarietà   e   quel   dinamismo   che   fanno   sì   che   il passato   si   “srotoli”   divenendo   presente   attraverso   una   successione   di   dettagli   che   creano   l’insieme.   Questo   è   divenuto   possibile attraverso   i   rapporti   aurei   grazie   ai   quali   il   rettangolo   si   scompone   in   quadrati   che   si   giustappongono   l’uno   all’altro   riempiendo   tutto   lo spazio   e   dal   più   piccolo,   di   misura   infinitesima,   si   sprigiona   la   spirale   che   li   raccorda   tutti,   li   lega   armonizzandoli.   Così   la   spirale   si   fa contemporaneamente   espressione   dinamica   e   raccordo   temporale:   i   frammenti   che   avanzano   si   ricostruiscono   in   unità   nel   quadrato principale.   Oppure   da   esso   si   allontanano   tornando   nel   passato,   nel   loro   mondo   di   quiete.   Le   venticinque   tele,   di   formato   diverso, derivate   espressamente   da   elementi   dell’arte   etrusca,   costituiscono   un   nucleo   organico.   Raccontano   il   mio   viaggio   a   ritroso   nel   tempo alla   ricerca   delle   mie   più   antiche   radici.   Ma   il   viaggio   continua.   Una   tela   raffigurante   una   ‘marina’   su   cui,   all’orizzonte,   si   profilano   i   tratti di   una   "nave   oneraria   etrusca"   introduce   ad   una   seconda   sezione   in   cui   vi   sono   vari   paesaggi,   dipinti   sempre   con   colori   a   olio,   ma   a spatola.   Sono   i   paesaggi   nostri,   della   Maremma,   della   Toscana.   Paesaggi   privi   di   uomini,   di   animali,   di   cose.   Paesaggi   fatti   di   cieli,   di terra, di mare, di fiori, di padule. Di orizzonti. Sono intensi, corposi. Vivono nell’oggi e nel più remoto passato. clicca sulle immagini per visitare la galleria OPERE   Frammenti di quotidianità - Piante ornamentali ed uccelli 1  (cm. 35x22) 2002. Tarquinia, Tomba del Triclinio ; Tomba degli Auguri ; Chiusi, Tomba del Colle . - Piante   ornamentali   ed   uccelli   2    (cm.   35x22)   2002.   Tarquinia,   Tomba   degli Auguri,   Tomba   dei   Leopardi,   Tomba   del   Triclinio   e   Tomba   del Letto Funebre. - Animali di terra  (cm. 35x22) 2002. Chiusi, Tomba del Colle. - Animali di aria e di acqua  (cm. 35x22) 2002. Tarquinia, Tomba della caccia e della pesca. - Monili   etruschi   1    (cm.   35x22)   2002.   Collana   (650   a.C.)   Cerveteri,   Museo   Etrusco-Gregoriano   Vaticano;   fibula   ad   arco   ritorto   (IX   sec. a.C.)   Tarquinia,   Museo   Archeologico;   fibula   a   sanguisuga   (VII   sec.   a.C.)   Volterra,   Museo   Guarnacci;   2   fermatrecce   (VII   sec.   a.C.) Cerveteri.   Museo   di   Valle   Giulia,   Roma;   anello   (VI   sec.   a.C.)   Veio.   Museo   di   Valle   Giulia,   Roma;   orecchino   con   pendente   a   volatile   (III sec.   a.C.   )   Vulci.   Museo   di   Valle   Giulia,   Roma;   orecchino   con   pendente   a   piramide   (III-II   sec.   a.C.)   Volterra.   Museo   di   Valle   Giulia, Roma. - Monili   etruschi   2    (cm.   35x22)   2002.   Braccialetto   da   (VII   sec.   a.C.)   Vulci.   Museo   di   Valle   Giulia,   Roma;   coppia   di   fibule   (VII   sec.   a.C.). Museo   Civico   Archeologico,   Bologna;   pendaglio   (650   a.C.)   Vulci.   Antikensammlungen,   Monaco;   2   aghi   crinali   e   spillone   (VII   sec.   a.C.) Palestrina.   Museo   di   Valle   Giulia,   Roma;   orecchino   a   ‘grappolo’   (IV   sec.   a.C.)   Civitella   San   Paolo.   Museo   di   Valle   Giulia,   Roma; braccialetto (IV sec. a.C.) Vulci.  Antikenmuseum, Berlino. - Monete   1    (cm.   35x22)   2002.   Aureo   con   testa   leonina,   Populonia   Museo   Archeologico   Nazionale,   Firenze;   moneta   d’argento   con cinghiale,    Populonia.    Museo   Archeologico    Nazionale,Firenze;    moneta    d’argento    con    maschera    di    Gorgone,        Populonia.    Museo Archeologico   Nazionale,   Firenze;   moneta   d’argento   con   polipo   ed   anfora,   Populonia.      Museo Archeologico   Nazionale,   Firenze;   moneta di bronzo, serie della ruota; moneta di bronzo, leggenda Vatl, (recto e verso), Vetulonia. - Monete   2    (cm.   35x22)   2002.   Aureo   con   testa   leonina;   moneta   d’argento   con   animali   marini;   moneta   d’argento   con   testa   di   Gorgone, Populonia.    Museo   Archeologico    Nazionale,    Firenze;    moneta    d’argento    con    chimera        Populonia.    Museo   Archeologico    Nazionale, Firenze; moneta di bronzo, serie della ruota; moneta di bronzo, leggenda Velathri, (recto e verso) Vetulonia. - Vasi    etruschi    1     (cm.    35x22)    2002.    Kyathos    su    alto    piede,    Museo    di    Valle    Giulia,    Roma;    calice    in    bucchero    pesante,    Museo Archeologico, Grosseto; kantharos, Museo Archeologico, Grosseto; incensiere, Museo Archeologico, Artimino. - Vasi   etruschi   2    (cm.   35x22)   2002   Oinochoe   in   bucchero   pesante,   Museo   Archeologico,   Grosseto;   kyathos   su   alto   piede   in   bucchero pesante,    Museo   Archeologico,    Grosseto;    vaso    con    un    manico,    Museo   Archeologico,    Grosseto;    kylix    in    bucchero    sottile,    Museo Archeologico, Grosseto. Momenti della vita - Ancelle che intrecciano ghirlande  (cm. 50x31) 2002. (VI sec. a.C.) Tarquinia, Tomba della caccia e della pesca. - Il tuffatore  (cm.50x31) 2002. (VI sec. a.C.) Tarquinia, Tomba della caccia e della pesca. Momenti della Morte - Commiato  (cm.50x31) 2002. (VI sec. a.C.) Tarquinia, Tomba degli Auguri. - Velia e l’eternità  (cm. 50x31) 2002. (III-II sec. a.C.) Tarquinia, Tomba dell’Orco. Giovani offerenti - Fanciulla  (cm.50x31) 2002. (480 a.C.) Monte Acuto. Museo Civico, Bologna. - L’ombra della sera  (cm. 50x31) 2002. (III sec. a.C.) Volterra, Museo Guarnacci. Vicino al cielo: statue acroteriali - L’enigmatico sorriso di Aplu  (cm.50x31) 2002. (V sec. a.C.) Veio. Museo di Valle Giulia, Roma. - L’uomo dal singolare copricapo  (cm.50x31) 2002. (575 a.C.) Poggio Civitate. Antiquarium , Murlo. Giochi: l’atmosfera della gara, il movimento concitato degli atleti - I lottatori  (cm. 80x50) 2003. (VI sec. a.C.) Tomba degli Auguri, Tarquinia. - Corridori  (cm. 80x50) 2003. (VI sec. a.C.) Tomba delle Olimpiadi, Tarquinia. Armonia di suoni e movimento - Il flautista ed il suonatore di lira  (cm. 80x50) 2003. (470 a.C.) Tomba del triclinio, Tarquinia. - Danzatore e danzatrice  (cm. 80x50) 2003. (470 a.C.) Tomba del triclinio, Tarquinia. Complice armonia di coppia - Insieme al banchetto  (cm. 100x62) 2003. (VI sec. a.C.) Tomba della caccia e della pesca,Tarquinia. - Gli Sposi  (cm. 100x62) 2004. (530 a.C.) Cerveteri. Museo di Valle Giulia, Roma. Uomini e natura in armonia - La caccia e la pesca  (cm. 150x93) 2003. (VI sec. a.C.) Tomba della caccia e della pesca, Tarquinia. Bibliografia A. Stenico, LA PITTURA ETRUSCA E ROMANA, (Mondadori,1963)   M. Pallottino, ETRUSCOLOGIA, (Hoepli,1984)   M. Cristofani, etruschi,CULTURA E SOCIETA’, (Istituto Geografico De Agostini,1981)   G. Cameni, LA TOSCANA DEGLI etruschi, (Il Tirreno,1993)   AA.VV., GLI etruschi MILLE ANNI DI CIVILTA’,vol.I, (Bonechi,1985)   AA.VV., GLI etruschi MILLE ANNI DI CIVILTA’,vol.II, (Bonechi,1985)   M. Cristofani, CIVILTA’ DEGLI etruschi, (Electa,1985)   G. Pianu, GLI etruschi CINQUE MITI DA SFATARE, (Armando Curcio editore,1985)   M. Cristofani, DIZIONARIO DELLA CIVILTA’ ETRUSCA, (Giunti Martello,1985) S. Moscati, ARCHEOLOGIA DELLE REGIONI D’ITALIA, (Rizzoli,1984)   A. Mazzolai, GROSSETO IL MUSEO ARCHEOLOGICO DELLA MAREMMA, (Bonari,1977)   A. Mazzolai, GLI ETRUSCHI DI TARQUINIA CERVETERI E VEIO, ( Arsuna)   AA.VV., LE GRANDI AVVENTURE DELL’ARCHEOLOGIA,vol. IV, (Armando Curcio)
English
Español
Laura Ferretti  painter