LAURA FERRETTI: LA CONQUISTA DI UNO SPAZIO INTERIORE I   dipinti   di   Laura   Ferretti   parlano   di   garbo,   di   delicatezza,   esprimono   il   desiderio   di   vivere   in   un   mondo   intimo   e   segreto,   che   però trova   corrispondenza   col   paesaggio.   Il   rifiuto   del   caos   spinge   la   Ferretti   a   cercare   un   ordine   superiore,hegeliano   in   cui   si   conciliano due   aspetti   dialettici:   l’io   dell’artista   e   la   freschezza   di   un   universo   visto   con   stupore,   come   all’alba   della   creazione.   Da   qui   deriva   la capacità   di   contemplare   le   cose   con   un   senso   di   estatica   meraviglia   come   fosse   per   la   prima   volta,   senza   abituarsi   al   deja   vu,   ai luoghi   comuni,   anzi   facendo   tabula   rasa   per   lasciar   spazio   all’improvvisazione,   alla   pennellata   impetuosa.   Ed   è   proprio   questa meditata   immediatezza   che   costituisce   il   mezzo   con   cui   l’artista   traccia   un   proprio   percorso,   teso   verso   la   luce   che   diventa   sostanza di tutte le cose, che impregna di sé i fiori, le colline,i boschi, le acque. Ricordiamo   che   le   ultime   parole   di   Goethe   morente   furono:Aprite   anche   la   seconda   imposta   nella   stanza   affinché   entri   più   luce (Verso   la   luce).   Ebbene   Laura   Ferretti   apre   le   finestre   dei   suoi   sensi   e   del   suo   cuore,   spalanca   i   suoi   sguardi   e   si   predispone   a   uno stato   d’animo   ricettivo   proprio   per   captare   quella   luce   che   rende   impalpabili   tutte   le   cose,   che   le   trasfigura   in   una   sorta   di   mistico alone,   che   è   metafora   di   conoscenza   profonda,   trasporto   lirico.   Nei   suoi   dipinti   la   luce   diviene   colore   e   viceversa   il   colore   si trasforma in luce proprio per riportarci all’origine della vita, all’elemento primigenio da cui derivano i mille aspetti particolari. Laura   Ferretti   basa   la   sua   ricerca   pittorica   sulla   combinazione   di   infinite   gamme   cromatiche   e   sfumature   cangianti   che   visualizzano il   fluire   delle   stagioni,   lo   scorrere   del   tempo,   però   all’interno   di   queste   mutazioni   si   coglie   la   volontà   di   approdare   a   qualcosa   di duraturo,   di   stabile.   L’artista   stessa   dichiara:   "Ci   sono   molti   fiori:   essi   rappresentano   l’umanità.   Amo   gli   effimeri   fiori   che   allietano   e profumano il mondo, amo gli effimeri uomini che vorrebbero essere eterni "(Sotto il cielo blu: fiori di campo). Ebbene   in   questa   dichiarazione   si   riscontra   che   la   pittura   per   l’artista   toscana   costituisce   un   viaggio   che   non   si   perde   nel   vuoto   e nella pura casualità ma che conduce a una meta precisa, a un ordine superiore. L’artista   attraverso   una   pennellata   vibrante,   fluida   rende   i   suoi   paesaggi   quasi   impalpabili,   irreali,   sognanti,   li   smaterializza   in trascrizioni   di   pulsioni   poetiche,   di   slanci   emotivi.   L’onda   non   è   più   onda   ma   assurge   al   ruolo   di   qualcosa   di   assoluto,   diventa   l’acqua della   vita;   così   i   cieli   gialli   esprimono   una   sinfonia   interiore;   lo   splendore   lunare   ci   invita   alla   fantasticheria   romantica;   i   fiori primaverili   quasi   ci   risucchiano   in   un   abisso   di   sensazioni,   come   evidenzia   il   titolo   emblematico   "Gioia   di   inabissarsi".   L’artista   infatti ricollegandosi   al   leopardiano   verso   "E   il   naufragar   m’è   dolce   in   questo   mare"   si   perde   nel   respiro   dell’Infinito,   quasi   si   dissolve fondendo   la   sua   anima   con   tutte   le   cose.   Ma   proprio   in   questo   smarrimento   la   Ferretti   ritrova   se   stessa   come   parte   essenziale   del cosmo.   Così   il   suo   sentimento   di   malinconia   si   stempera   in   un   sano   ottimismo,   come   è   sottolineato   dalle   atmosfere   dei   suoi   dipinti, pervase   di   serena   armonia   e   di   elegiaca   contemplazione.   Le   pennellate   e   i   colpi   di   spatola   di   Laura   Ferretti   ci   appaiono   simili   a   un velo   che   nasconde   e   nello   stesso   tempo   si   solleva   per   rivelare   le   emozioni   che   appartengono   a   noi   tutti,   un   velo   che   ci   lascia intravedere   il   desiderio   da   parte   dell’artista   di   crearsi   una   sua   oasi   di   pace   dove   rifugiarsi.   Questo   velo   è   metafora   dell’arte   stessa, intesa   come   fuga   nel   sogno   e   nello   stesso   tempo   come   dialogo   col   mondo,   ricerca   di   uno   spazio   interiore,   volontà   di   apertura   nei confronti   delle   cose   per   ricevere   ispirazione   dai   colori,   dai   suoni,   dai   profumi.   Per   questo   le   opere   della   Ferretti   sono   legate   al   dato sensoriale   e   contemporaneamente   lo   superano.   L’   artista,   infatti,   parte   dallo   spunto   paesaggistico   per   sviluppare   una   sua   sigla personale   che   si   proietta   verso   gli   esiti   della   pittura   informale,   come   si   può   constatare   osservando   i   suoi   tocchi   di   pennello   e   i   suoi colpi   di   spatola   che   descrivono   sì   elementi   reali   ma   che   accennano,   che   restano   lievi,   sfumati,   eterei,   allusivi   per   comunicarci l’immediatezza   della   percezione   e   il   trasporto   della   passione.   In   tal   modo   il   finito   e   il   non-finito,   la   descrizione   realistica   e   la   resa   di un   colore   simbolico,   intriso   di   pura   energia   psichica,   si   fondono   felicemente.   Insomma   la   realtà   si   riduce   a   pretesto   per   far   esplodere una   tavolozza   di   colori   vivaci,   musicali   che   ci   riportano   alle   "Improvvisazioni"   di   Kandinskj,   colori   che   rappresentano   qualcosa d’altro,   un   gesto   liberatorio   capace   di   trasformare   il   vuoto,   il   caos   in   silenzio,   in   armonia,   in   gioia   creativa   (Peperoncini).   L’artista intinge   i   suoi   pennelli   nella   linfa   delle   piante,   nella   luce   del   sole   catturando   così   una   scintilla   di   quel   fuoco   misterioso   che   arde   nella creazione e dentro di noi.
English
Español
Laura Ferretti  painter