GLI ETRUSCHI DI LAURA FERRETTI AL MUSEO ARCHEOLOGICO DI GROSSETO Nelle   sale   del   Museo   Archeologico   di   Grosseto   si   snodano   le   tele   della   pittrice   Laura   Ferretti.   “Profonde   radici:   gli   Etruschi   e   il   loro mondo”:   una   mostra   che   veramente   merita   un   ampio   e   soprattutto   motivato   pubblico.   L‘opera   della   Ferretti   si   iscrive   in   un   progetto che   ha   le   sue   radici   molto   lontane.   Non   ci   dobbiamo   riferire   alla   conoscenza   scientifica,   che   è   altra   cosa,   ma   all’effetto   che   la scoperta   degli   Etruschi   ha   avuto   su   un   largo   pubblico   ed   in   particolare   sulla   cultura   europea.   Siamo   alla   metà   circa   dell’   ottocento. La    cultura    etrusca    diviene    la    bandiera    dell’anticlassicismo    poiché    questa    arte    era    esattamente    il    contrario    del    classicismo, dell’accademismo,   di   tutte   quelle   cose   che   l’arte   europea,   gli   artisti   europei   cominciavano   a   sentire   un   po’   pesanti,   come   un’eredità da   cui   liberarsi.   Questo   atteggiamento   verso   l’arte   etrusca   raggiunge   il   suo   culmine   nel   primo   novecento.   Dal   punto   di   vista   letterario possiamo   ricordare   David   Herbert   Lawrence   (l’autore   de   L’amante   di   lady   Chatterly)   il   quale   ha   scritto   il   libro   Paesi   Etruschi   o Luoghi   Etruschi,   secondo   le   stampe,   nel   quale   vede   il   mondo   etrusco   in   modo   totalmente   ascientifico,   in   modo   puramente   poetico. Vede   negli   Etruschi   il   mito   di   quella   libertà,   di   quella   naturalezza   nei   comportamenti,   di   quel   superamento   delle   convenzioni   borghesi che   costituivano   il   suo   convincimento   più   profondo.   La   tematica   ricorrente   delle   sue   opere.   Ma   possiamo   ricordare   anche   un   altro episodio   nel   campo   artistico,   tanto   per   soffermarci   solo   su   elementi   estremamente   significativi:   la   scoperta   dell’   Apollo   di   Vejo.   Fu uno   shock   artistico,fu   uno   shock   culturale.   Questa   statua   fu   addirittura   rappresentata,   nel   1920,   l’anno   della   sua   presentazione   dopo il   restauro,   su   un   manifesto   ufficiale   della   Biennale   di   Venezia.   Un   cerchio   si   chiude:   l’   Apollo   viene   considerata   l’opera   più   di avanguardia,   il   simbolo   di   ciò   che   di   più   moderno   si   potesse   presentare.   L’arte   etrusca   alla   pari   con   tutte   quelle   arti   non   classiche, non   europee   a   cui   tutti   gli   artisti   europei   potevano   ispirarsi   per   rinnovare   dalle   radici   l’arte   europea. Abbiamo   visto   che   il   rapporto   tra l’arte   e   gli   Etruschi   è   estremamente   stretto.   Un   rapporto   indipendente   dalla   conoscenza   scientifica,   come   ho   accennato   all’inizio. Questo   perché   l’artista   ha   una   libertà   di   interpretazione,   una   libertà   di   utilizzo   di   ciò   che   l’antichità   ci   ha   tramandato   che   lo   studioso non   ha.   Lo   studioso   deve   attenersi   scrupolosamente   ai   dati,   ai   fatti,   a   quello   che   i   documenti   testimoniano,   deve   dare   di   essi un’interpretazione   che   non   lasci   spazio   all’immaginazione,   alla   fantasia.   L’artista   invece   può   interpretare   liberamente.   E   talvolta   la sua   interpretazione   libera   può   arrivare   anche   più   lontano   di   quella   dello   studioso.   Che   cosa   dire   andando   all’oggetto   di   questa mostra,   parlando   dei   quadri   di   Laura   Ferretti?   E’   chiaro   che   la   sua   ispirazione   è   stata   presa   dalle   opere   più   note   dell’arte   etrusca. Abbiamo   qui   un   panorama   che   tutti   conosciamo,   in   particolare   la   pittura   di Tarquinia   da   cui   sono   stati   estrapolati   elementi   veramente significativi,   particolari   che   forse   qualcuno   non   ricorda.   Per   esempio   quei   particolari   della   Tomba   della   caccia   e   della   pesca   che tornano   più   volte   perché   evidentemente   da   essa   l’artista   è   stata   colpita   particolarmente.   Quello   che   dobbiamo   chiederci   è   il   perché di   questa   organizzazione   delle   immagini   così   strana:   la   spirale,   la   sezione   aurea   che   è   evidentemente   l’ottica,   la   chiave   espressiva che   l’artista   ha   scelto.   La   sezione   aurea   è   una   costruzione   geometrica   che   risponde   ad   una   particolare   formula   matematica   la   quale permette   di   ricavare   da   un   rettangolo   di   proporzioni   fisse,   auree   appunto,   tanti   quadrati   all’infinito   in   modo   tale   che   resti   sempre   un rettangolo   che   abbia   le   stesse   proporzioni   del   rettangolo   iniziale.   Tutto   questo   porta   quindi   a   costruire   quadrati   sempre   più   piccoli. Da   essi   la   spirale   che,   pur   essendo   una   costruzione   geometrica,   è   un   segno   pieno   di   significati.   La   spirale   è   l’infinitamente   grande   e l’infinitamente   piccolo.   Se   guardiamo   verso   il   centro   andiamo   verso   l’infinitamente   piccolo,   se   ci   allarghiamo   andiamo   verso l’infinitamente   grande.   E’   un   segno   che   porta   anche   ad   un   accumularsi   di   significati   nelle   opere   di   Laura   Ferretti.   Che   cosa   dire, perché   questa   sezione   aurea,   perché   questa   spirale?   E’   chiaro   che   dobbiamo   pensare   all’antichità,   al   tempo.   Ad   una   visione   del tempo   forse   spiraliforme?   E’   una   cosa   che   abbiamo   visto   tante   volte   nell’antichità,   nella   letteratura,   nella   filosofia.   Ma   io   direi   che questa   scelta   ci   porta   anche   ad   un   altro   elemento   molto   tipico:   a   quel   che   di   esoterico,   di   misterioso   che   gli   Etruschi   portano   con   sé. Mistero   che,   ancora   una   volta,   gli   studiosi   rifiutano   perché   non   possono   accettare   un   mistero,   non   possono   dire   c’è   un   mistero, devono    dire    non    sappiamo.    Ovviamente,    l’artista    può    cogliere    il    mistero,    trasmettere    anche    il    mistero.    E    proprio    su    questo suggerimento   di   lettura   io   mi   fermerei.   Ma   non   dimentichiamo   il   resto   della   produzione   dell’artista:   i   suoi   paesaggi   fatti   a   spatola, liberi,   dirompenti.   I   luoghi   degli   Etruschi   vivi   ancora.   Vorrei   buttare   lì   una   proposta,   un   seguito   che   può   dare   una   strada   di   sviluppo per   la   tematica   di   Laura   Ferretti   potrebbe   essere   proprio   l’incontro   fra   i   paesaggi   e   gli   Etruschi.   Qualcosa   in   cui   i   due   filoni   della   sua produzione si vadano ad incontrare e diano qualcosa di nuovo. Qualcosa che speriamo di vedere presto.
English
Español
Laura Ferretti  painter