RADICI PROFONDE: GLI ETRUSCHI E IL LORO MONDO (Esposizione itinerante di Laura Ferretti) L’arte   pittorica   etrusca   è   antica   e   nota   per   la   sua   destinazione   al   mondo   dei   morti   sebbene   abbia   sempre   detenuto   un   legame   con la   quotidianità;   Laura   Ferretti   si   è   ispirata   ad   essa   per   la   creazione   contemporanea   di   un   viaggio   artistico   a   ritroso   che   ripercorre   le radici etrusche attraverso la gente, la flora, la fauna, i monili, le monete e molto altro. La   tecnica   etrusca   è   stata   elementare,   basilare,   delineata   da   essenziali   forme   e   lineari   scene:   il   percorso   della   Ferretti   è   invece   un iter   evolutivo,   un   crescendo   artistico   che   supera   i   confini   primitivi   e   primari   per   utilizzare   con   maestria   toni   intensi   e   inquadrare   le scene   con   fervida   chiarezza.   L’eccellenza   della   trattazione   si   evidenzia   nella   creazione   di   un’atmosfera   familiare   che   l’artista   riesce a trasmettere fissando con forme dinamiche e colori brillanti la vitalità di un mondo lontano. L’eccezionalità   pittorica   dell’artista   consiste   nell’aver   re-interpretato   un’arte   antica   unitamente   all’aver   tratteggiato   con   abilità   e destrezza   un   mondo   tanto   lontano   visibile   e   noto   da   ciò   che   il   tempo   che   non   ha   corroso.   Quella   di   Ferretti   nasce   come   arte spontanea    intensamente    espressiva    che    si    affina    diversamente    in    riferimento    ai    temi    rappresentati.    Espressioni    semplici    e spontanee   come   quelle   degli   animali   di   aria   o   terra   lasciano   il   posto   a   incantevoli   effetti   di   chiaroscuro   evidenziando   un   sapiente uso delle linee e dei colori. Indipendentemente   dai   temi   rappresentati   che   coinvolgono   l’intero   mondo   etrusco,   le   opere   evidenziano   la   raffinatezza   di   un’arte contemporanea   volta   al   passato,   così   rara   oggi,   capace   di   tratteggiare   una   storica   quotidianità.   Fascino   e   mistero   avvolgono   le opere   sebbene   siano   delineate   con   cura   del   dettaglio,   chiarezza   delle   scene,   operosità   delle   nuance.   Un   viaggio   artistico   che   parte da   uno   studio   attento   e   che   diventa   in   esposizione   momento   culturale,   approfondimento   storico,   approccio   artistico:   una   poliedricità che   consente   di   poter   definire   l’intera   esposizione   scoperta   e   magnificenza   insieme   al   punto   di   consentire   all’osservatore   di apprendere   in   forma   innovativa   ed   informale.   L’arte   etrusca   è   volta   a   scongiurare   la   morte,   l’arte   della   Ferretti   ha   uno   sviluppo consapevole   e   orientato,   profondamente   collegata   con   la   realtà   storica,   con   i   grandi   valori   religiosi   o   civili   e   diviene   un'arte   che voglia   essere   anzitutto   protezione   e   scongiuro   contro   la   morte,   inno   alla   vita   e   alla   conoscenza.   Piccoli   capolavori   che   delineano   nel presente   la   realtà   materiale   dell'esistenza   etrusca   o   almeno   una   sua   traccia,   che   mostrano   come   mediante   l'arte   la   realtà   seguita ad essere, piccole grandi creazioni che parlano forte, come si fa con i sordi. Così   facendo   Laura   Ferretti   stimola   interesse   per   l’arte   del   mondo   antico,   con   le   figure   che   spiccano   nette   sul   fondo,   i   contorni fortemente   separati,   i   gesti   esagerati,   i   colori   rafforzati,   segni   che   mostrano   uno   lancio   che   varca   l'orizzonte   della   vita.   Si   è   detto   che la   pittura   etrusca   raramente   tocchi   alti   livelli   qualitativi:   quella   in   questione   è   il   prodotto   di   una   abilità   destinata   a   perdurare   ed eccellere, arte meditata, arguta e vivace.
English
Español
Laura Ferretti  painter