LAURA FERRETTI, COLORE E STRATEGIA DELLA LUCE Laura   Ferretti,    con   il   suo   “Viaggio   nel   colore”,   ha   riportato   un   ennesimo   successo   di   critica   e   di   pubblico   al   Bechtel   International Center   dell’Università   californiana   di   Stanford.   Il   “Palo   Alto   Daily   News”   ha   riportato,   non   soltanto   la   notizia,   come   il   “Stanford’s Reporter”,   ma   il   critico   d’arte   si   è   soffermato   a   lungo,   con   vivo   apprezzamento,   sulla   sua   produzione   pittorica   e,   fra   l’altro,   ha   scritto che:   “…   la   luce   è   ovunque,   la   vita   prevale,   la   speranza   prevale   …”.   Il   successo   ottenuto   ha   valso   alla   Ferretti   una   prossima   Mostra al Museo d’Arte Italiana di San Francisco ed altri appuntamenti in famose gallerie californiane ed oltre. L’impegno   creativo   della   Ferretti   le   fa   stabilire   un   rapporto   vivo   fra   il   soggetto,   soltanto   in   apparenza,   comune   ed   una   originale formulazione   creativa.   Il   suo   è   un   percorso   d’arte   tracciante   una   trasformazione   del   reale   attraverso   un   uso   del   colore   che   esce dalla   banale   quotidianità   per   assumere   aspetti   diversi,   infondere   movimenti   nuovi   e   partecipare   la   propria   operatività   attraverso preziose   sfumature   di   toni.   Elemento   determinante   è,   infatti,   la   gamma   colorica   che   varia   dai   toni   freddi   a   quelli   più   caldi,   illuminanti, che   ammaliano   l’osservatore   per   la   sospensione   che   determinano   e   in   cui   si   avverte   la   vita,   senza   tempo   e   senza   luogo,   ma fulgore,   sempre,   di   forte   femminilità   realizzatrice.   L’esuberanza   espressiva   è   persuasiva,   come   il   suo   timbro   cromatico,   che   vive   di profonda potenza dialettica in interpretazione mediata e suggestiva. I   suoi   “paesaggi”,   i   suoi   “fondali”,   i   suoi   “fiori”,   i   suoi   “boschi”,   le   sue   “figure”   umani   o   celesti,   sono   momenti   d’incontro   con   uno spazio   meraviglioso   (la   tela)   intessuto   di   “danze”   armoniche,   tra   luci   ed   ombre,   colorazioni   diverse   ed   immagini   di   intensa   presa emotiva   ed   una   passionalità   impetuosa,   che   investe   ogni   sua   creazione,   anche   la   più   spirituale.   Ogni   cosa,   infatti,   nelle   sue   opere, rimanda,   sempre,   ad   altro   e   nasconde   significati   e   contenuti   diversi,   per   cui   la   realtà   sembra   rimanere   impigliata   in   un   enigma infinito   e   tutto   è   sogno,   tutto   è   introspezione,   tutto   è   al   di   là   del   tangibile.   Eppure   i   fiori   sono   “veri”,   i   fondali   marini   vibrano   di   “vita”,   i deserti    “parlano”,    i    suoi    cieli    individuano    stati    d’animo    ed    il    suo    esprimersi    è    una    coralità    d’impressioni,    di    ricerca    attenta, d’introspezione   psicologica,   di   ricerca   ambientale,   soprattutto   nelle   tele   che   si   ispirano   alla   Maremma   di   oggi   e   di   ieri.   Ella   modula un   intenso   rapporto   tra   il   soggetto   emozionale   e   quello   rappresentato   e   così,   in   ogni   suo   quadro,   si   scopre   un’insorgenza   inevitabile di   motivazioni   rilevate   dalla   vita,   dal   mondo   intorno,   dalla   tensione   dell’essere,   con   una   ricerca   varia,   sempre   autenticamente   sua. La   fantasia   si   effonde   nelle   tinte,   così   forti   e   calde,   spigliate,   nella   tavolozza   varia   e   valida,   esprimente   frequenze   emotive   notevoli che   coinvolgono   ed   attraggono   profondamente.   Osservare   la   sua   pittura   ed   avvertire   un’intensa   tensione   emozionale   è   dir   poco: tutto   traccia   un   dialogo   intimistico   fra   materia   e   messaggi   d’arte   in   continuo   fluire   di   momenti   e   di   memorie,   di   luoghi   e   d’immagini, di   “impronte”   quiete   o   concitate,   di   effusioni   e   conflittualità.   Il   suo   intendimento   di   ricerca   di   un   modulo   del   tutto   suo,   che   la   disgiunga da   ogni   altro,   è   pienamente   raggiunto,   perché,   senza   alcun   cedimento,   bensì   per   mezzo   di   nuove   acquisizioni   e   nuovi   traguardi,   la Ferretti   sa   sempre   costruire   il   suo   mondo   d’arte   attraverso   dati   figurali   elaborati   con   la   propria   esclusiva   sensibilità   ed   il   proprio approfondimento. Il   colore,   fonte   inesauribile   di   creatività   per   ogni   artista,   oltrepassa   in   lei   ogni   contingenza   colorico-ambientale,   per   percorrere sentieri   intimistici   personali   e   distaccarsi   dal   naturalismo   abituale   e   scontato.   La   sua   “tensione   creativa”   sgorga   da   una   realtà fantastica,   dove   sembrano   cancellarsi   il   tempo   e   lo   spazio   esistenziali   per   andare   oltre   e   rappresentare,   sì,   la   natura,   ma   in   un contesto   immaginato   e   sublimato.   I   suoi   “silenzi”   sono   più   eloquenti   di   un   qualsiasi   “discorso”,   i   suoi   spazi   sono   più   profondi   di qualsiasi   baratro,   il   suo   fare   arte   è   preziosismo   essenziale,   è   avvolgimento   colorico,   è   traccia   d’amore,   è   passaggio   dal   non   essere all’essere, è valido connubio fra materia e forma, è impulso rideterminato e dominato dalla realtà, in un’entusiastica forma d’arte. Laura   Ferretti   rende   elevato   ogni   elemento   naturale   “quotidiano”   e   ne   rivela   insospettabili   attrazioni   ed   associazioni,   evocando   tutto uno   stato   d’animo   emozionale,   profondo   e   raffinato,   che   va   oltre   il   tangibile,   oltre   il   “deserto”,   oltre   il   “fondo   marino”,   oltre   la   natura tutta.   Oro   e   nero   creano   uno   splendido,   sottile   giuoco,   un   giuoco   fra   sentimenti   e   realizzazione   pittorica,   fra   immaginazione   e   vero, fra colori ed emozione.
English
Español
Laura Ferretti  painter