INTERVISTA A LAURA FERRETTI Alla   kermesse   nazionale   d'arte   contemporanea   di   Bastia   Umbra   felice   incontro   con   una   mia   conterranea,   Laura   Ferretti,   che   debutta in   questa   Expo   d'arte   '90   con   solido   talento   e   pregevole   solarità,   armonicamente   marcata   dagli   ocrati   e   serenatori   cromatismi   della maremma grossetana. Vorrei   le   tue   impressioni,   Laura   su   questa   Expo   arte   '90.È   evidente   l'ampio   respiro   culturale   di   questa   rassegna   che   ha   coinvolto artisti   di   vari   campi,   che   ha   avvicinato   sensibilità   e   poetiche   di   avanguardia   (un   esempio   per   tutti   le   coioratissime   statue   lignee   di Molinari)   ed   altre   rivolte   ad   una   visitazione   del   passato   come   avviene   nelle   opere   di   Marchionni   piene   di   magiche   evanescenze come   antichi   affreschi.   Un   ventaglio   amplissimo.   Forse   le   gallerie   sono   troppe   rispetto   agli   artisti   e   questo   riduce   la   possibilità   di   un confronto    diretto.    Confronto    oggi    particolarmente    importante    visto    che    è    difficile    penetrare    oltre    la    scorza    di    questa    realtà contraddittoria e incoerente. Che cosa riporterai in Maremma di questa tua esperienza umbra ? Sicuramente   le   aspettative   erano   molte,   come   sempre   accade   a   chi,   come   me,   si   è   mantenuto   a   lungo   ai   margini   di   una   realtà   e   poi, una   volta   guadato   il   fiume,   vorrebbe   capire,   penetrare   un   mondo   intero.   L'Umbria   Expo   Arte   è   alla   sua   prima   edizione   e   dunque, nonostante   i   suoi   molti   innegabili   pregi,   non   ha   avuto   (e   quindi   non   ci   ha   dato)   un   vero   impatto   con   la   critica   anche   se   c'è   stato   un fattivo   scambio   di   opinioni   tra   noi.   E   dunque   porto   a   casa   alcuni   nomi   di   persone,   artisti   e   galleristi,   con   cui   il   dialogo   è   stato profondo   e   costruttivo.   Da   amici.   Porto   a   casa   molte   e   diverse   annotazioni,   più   positive   di   quanto   avessi   sperato,   fatte   da   addetti   ai lavori   e   non.   Porto   a   casa,   e   questa   è   la   cosa   più   importante,   una   grande   voglia   di   prendere   in   mano   spatola   e   pennelli   per   fissare idee ed emozioni. Quali ritieni siano gli elementi distintivi il tuo modo di dipingere ? Da   sempre,   e   tu   lo   sai,   sono   stata   affascinata   dagli   alberi,   dai   fiori,   dalla   natura   che   mi   circonda. Andare   per   sentieri   della   Maremma mi   ha   sempre   riempito   di   gioia. Amo   la   mia   terra,   la   sua   luce   tersa   che   fa   brillare   le   pozze   d'acqua   tra   lo   sparto   bruciato   del   padule, amo   questo   mescolarsi   e   confondersi   di   dolcezza   e   asperità.   Quando   sono   davanti   alla   tela   è   questo   che   ho   negli   occhi   e   nel   cuore. Forse   è   per   questo   che   i   miei   colori   sono   puliti   e   intensi,   che   la   luce   ha   un   ruolo   fondamentale,   forse   è   per   questo   che   alterno   la pennellata   piatta   e   rapida   alla   spatola   che   taglia   e   sottolinea   le   asperità   quasi   a   ricordare   che   al   fondo   di   questa   terra   ridente   c'è   un passato   di   amarezza   e   di   sudore.   Oggi   l'essere   circondati   da   tanta   bellezza   sembra   quasi   un   lusso,   eppure,   secondo   me,   è   l'unica possibilità di vivere e, se si ha questa fortuna, non è un dovere comunicare la gioia, la carica vitale che ne derivano ? Come è stato e come avresti voluto rincontro con il pubblico qui a Bastia Umbra ? Direi   che   le   persone   che   si   sono   soffermate   a   parlare   con   me   abbiano   còlto   certi   tratti   fondamentali   delle   mie   opere. Aggettivi   come solari,   luminosi,   sereni,   gioiosi,   ed   anche   qualche   poetico,   sono   stati   usati   molto   spesso   e   questo   mi   ha   fatto   sinceramente   piacere. Spesso   il   pubblico   dell'Expo   era   stanco   e   frastornato   dall'eccesso   dei   messaggi,   tanto   che   sovente   era   più   un   passante   che   un pubblico,   però,   quando   si   fermava   e   guardava,   il   feed-back   c'era,   lo   stessa,   per   vedere   l'esposizione,   ho   impiegato   molti   giorni   ed ogni volta scoprivo nuovi artisti, nuove suggestioni. Quando,   infine,   il   rapporto   pittore   pubblico   risulta   elemento   positivo   alla   coeducazione   all'arte,   eventuale   stimolo   di crescita e creatività per il pittore ? Non   so   :   forse   sempre,   forse   mai.   Mi   spiego   meglio.   Non   esiste   comunicazione   se   non   c'è   ricevente,   ovvero   pubblico,   però   …   le teorie   sull'incomunicabilità   hanno   fondamento.   Certo   lo   stimolo   maggiore   giunge   al   pittore   attraverso   gli   occhi   e   quindi   attraverso   il confronto   con   le   opere   di   altri   artisti   del   presente   come   del   passato.   È   altrettanto   importante   che   occhi   estranei   facciano   da   specchio alle   nostre   opere   in   modo   da   poter   vedere   obiettivamente.   Sai   che   se   vuoi   vedere   se   c'è   qualche   errore   in   un   disegno   non   lo   devi guardare direttamente ma riflesso in uno specchio ? So,   Laura   cara,   e   con   questo   quasi   pirandelliano   suggerimento   ti   aspetto   su   sentieri   più   alti   e   mi   auguro   di   trovare,   comunque, "errore" nello specchio dei tuoi quadri, errore che alimenti la sete di crescita, cioè la sete di vita.
English
Español
Laura Ferretti  painter