GLI ETRUSCHI E IL LORO MONDO NELLE TELE DI LAURA FERRETTI Laura   Ferretti,   in   questa   rassegna,   riporta   alla   luce   gli   elementi   più   significativi   dell'arte   etrusca   che   per   prima   raggiunse   e   si sviluppò   in   Italia   e   conservò   più   a   lungo   una   magnifica   individualità   figurativa.   L'identificazione   della   cultura,   chiamata   dagli archeologi   villanoviana   (dal   nome   della   località   Villanova,   presso   Bologna),   tipica   dell’Età   del   Ferro,   tra   il   IX   e   l’VIII   sec.   a.C.,   propria dell’area   compresa   tra   l'Arno   a   nord,   il   Tevere   a   sud   e   le   rive   del   Mar   Tirreno,   corrispondente   quindi   all'attuale   Toscana,   al   Lazio settentrionale e a parte dell'Umbria, fino alla dorsale appenninica. Cito   la   cultura   villanoviana   perché   è   stata   la   prima   e   fondamentale   manifestazione   della   civiltà   etrusca,   il   diretto   riflesso   dell'età   di formazione   e   di   individuazione   del   popolo   etrusco   rispetto   agli   altri   abitanti   dell'Italia   antica.   Secondo   Dionigi   di   Alicarnasso,   gli Etruschi   sono   autoctoni,   cioè   originari   del   luogo.   E   questa   teoria,   contraria   a   quella   di   Erodoto,   è   attestata   anche   dalle   ricerche   di Laura   Ferretti.   La   quale   alimenta   il   mistero   degli   Etruschi   e   la   loro   singolarità,   con   la   varietà   dei   reperti   rielaborati   sulla   tela,   sempre connessi al loro mondo, almeno fino all'Età di Silla. I   temi   e   i   motivi   risentono   del   mondo   greco,   per   via   degli   elementi   arcaici   collegati   alla   fenomenologia   religiosa,   ai   riti,   ai   costumi, alle feste, ma arcaici-aristocratici perché legati alla committenza che pagava e ordinava. Lo   si   vede   dalla   vivacità,   dall'immediatezza,   dalla   capacità   di   cogliere   e   di   accentuare   un   gesto,   un'espressione   e   anche   un sentimento,   in   quanto   esprimono   la   forza,   l'austerità,   la   durezza,   che   dovevano   essere   le   loro   caratteristiche   dominanti.   Le   scene sono   infatti   definite   dal   disegno   scarno,   dalle   linee   semplici   e   armoniose,   da   colori   senza   sfumature   che   seguono   il   disegno geometrico   preparatorio,   a   cerchi,   a   raggi,   a   scacchiera.   L'equilibrio   perfetto,   la   simmetria,   la   sapienza   compositiva,   i   colori   vivi,   le architetture   sottolineate   dal   colore   danno   unità   alle   scene   figurate.   Le   proporzioni   sono   trattate   con   disinvoltura,   per   inscenare   il movimento.   I   particolari   sono   naturalistici   e   narrativi,   perché   la   pittura   etrusca   racconta   e   lo   fa   –   Laura   Ferretti   riesce   ad   esprimerlo chiaramente   –   delineando   le   forme,   le   divisioni   delle   zone   diversamente   dipinte,   i   particolari   più   significativi,   con   effetti   gradevoli dovuti   al   tratto   lineare,   ai   rapporti   formali,   agli   spazi   adiacenti,   allineandosi,   dopo   attento   studio,   al   realismo   materiale   etrusco.   Fiori, uccelli,   piante,   animali,   atleti,   ecc.,   riempiono   la   composizione,   raggiungendo   un   preciso   senso   di   movimento.   A   volte   affiora   una lieve   compiacenza   di   stile   ionico,   nella   fluenza   delle   linee,   per   meglio   rappresentare   il   rito,   il   mito,   un   gioco   funebre,   un   ricordo,   nei profili,   nei   lineamenti,   nei   raccordi   d'immagine,   nei   piegamenti   delle   figure,   nelle   vesti,   nel   risalto   dei   corpi.   I   riferimenti   costanti   alla vita   reale   e   la   concretezza   dell'impianto,   non   sono   di   minuzioso   realismo   –   neanche   nei   "monili",   nelle   "monete",   nei   "vasi"   –   non fosse   altro   che   per   i   cromatismi   e   per   la   fantasia   decorativa.   Va   riconosciuta   alla   Ferretti   l'idea   di   averci   convinto   che   gli   Etruschi determinarono   l'arte   dei   Romani,   i   quali   assimilarono   l'arte   greca   attraverso   i   percorsi   e   le   esperienze   etrusche.   Per   capire   la   civiltà romana   occorre   soffermarsi   sulla   civiltà   etrusca,   affidata   per   lo   più   ai   reperti   archeologici   funerari,   alle   necropoli   formate   da   vere   e proprie   stanze   sotterranee,   affrescate   e   corredate   di   quanto   era   necessario   ai   defunti.   E   dalle   case   dei   morti   ci   giungono   queste luminose    scene    di    vita,    dalle    quali    si    intuisce    la    manifestazione    primaria    di    un    sentimento    romantico    e    di    una    tecnica impressionistica.   Ferretti   rispetta   il   gusto   del   primitivo,   o   dell'ingenuo.   Ci   conduce   dall'illusionismo,   che   inizia   da   schemi   fissati   a geometrizzare   le   forme   della   realtà.   Cioè,   la   struttura   non   parte   da   un   nucleo   interno   verso   l'esterno   per   addizione,   ma   ritaglia   le forme   nello   spazio,   definendole   con   piani   sempre   geometrici   e   volumetrici.   La   visione   è   quasi   espressionistica,   spontanea,   ritmata da   pause   e   da   figure   allungate   in   una   specie   di   non   finito.   Le   decorazioni   seguono   un   ritmo   scalare,   classico   e   anticlassico,   misurato e   originale.   L'essenzialità   plastica   è   tensione   e   non   consente   insistenze   da   sezione   aurea.   Animali   di   aria   e   di   acqua,   Animali   di terra,   Piante   ornamentali   ed   uccelli,   il   Commiato,   Fanciulla:   nella   loro   estroflessione   (incurvamenti)   stilizzano   moderni   ritmi   figurali, anticipandoli,   nella   prima   grande   civiltà   indigena   dell'Italia,   anche   se   la   cultura   etrusca   fu   una   grande   amalgamatrice   di   altre   culture preesistenti e parallele. Il   termine   realistico   fu   coniato   proprio   per   essi   e   la   storia   del   passato,   la   loro   storia,   diviene   la   lente   per   guardare   il   presente,   vale   a dire   i   paesaggi   toscani   del   ciclo:   "Il   viaggio   continua".   Paesaggi   stesi   a   spatola,   dalle   tinte   altrettanto   vivaci,   che   unificano   la   capacità di    resa    dei    colori    nel    rapporto    formale,    imbevuto    delle    radici    antropologiche    del    territorio,    quale    riserva    a    cui    attingere.    Le rappresentazioni   sono   più   elaborate.   Le   tinte   più   calde   e   molto   ambientali   si   motivano   e   documentano   una   sapienza   e   una sensibilità,   non   più   nel   concetto   magico-religioso,   ma   nelle   predilezioni   di   memoria   visiva,   a   livello   di   citazione   linguistica   e   di integrazione di continuità, ad esprimere i molteplici aspetti di un unico tema, che ci sta sotto gli occhi. Rimane   l'urgenza   di   vitalità   e   i   pretesti   coloristici,   ricchi   di   possibilità   dinamiche,   s'inseriscono   nella   nostra   contemporaneità, rispecchiando   l'intera   evoluzione   di   quest'arte,   riscattata   dal   linguaggio   capace   di   "creare   un   ambiente",   non   per   i   morti,   ma   per   la gioiosità dei vivi, scandita dal colore fantastico, dalla felicità della natura e del tempo. Rimane il silenzio di una visione idealmente pittorica.
English
Español
Laura Ferretti  painter